www.meditflora.com

creato da G. Visetti * diretto da F. Fontanella


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)

Scheda naturalistica


Famiglia: Juglandaceae

 Juglans regia L.

Nome comune: noce.

Nome inglese: walnut tree.

Nome locale: pede 'e noce (albero delle noci).

Descrizione: albero alto 10-15 o più metri. Tronco eretto, corteccia di colore grigio, prima liscia poi fessurata con l'età. Foglie di grandi dimensioni, aromatiche, caduche, alterne, picciolate, imparipennate, con 5-9 segmenti ellittici, di colore verde intenso sopra, più chiare sotto. Pianta monoica: fiori maschili piccoli e numerosi, di colore verde-bruno, riuniti in amenti penduli, per favorire l'impollinazione anemofila; fiori femminili in numero di 2-5 all'ascella delle foglie apicali. Frutto (noce) ad achenio ovale con: parte esterna, epicarpo, carnosa e di colore verde (mallo), col tempo si fessura e annerisce lasciando intravedere la parte interna, endocarpo, legnosa e rugosa (guscio) al cui interno è racchiuso il seme commestibile (gheriglio). 

Habitat: cresce nell’intervallo altimetrico tra 0 e 1200 metri s.l.m. Ampiamente coltivato per la bontà dei frutti e il legno pregiato, anche avventizio al margine dei coltivi e lungo i sentieri.

Periodo di fioritura: Aprile-Maggio

note: specie probabilmente originaria della regione balcanina, da lungo tempo coltivata, e perciò comune, nei Monti Lattari, nella penisola sorrentina e isola di Capri, dove cresce comunemente anche come essenza inselvatichita nei pressi dei coltivi.

Localmente è diffusa la varietà Sorrento, la coltura prevede la realizzazione di piccoli boschetti monospecifici o, viceversa, l'albero è piantato singolarmente nei caratteristici orti arborati e nei cortili delle case coloniche.

I contadini per la raccolta delle noci (scugnatura) utilizzano lunghe pertiche di castagno con le quali percuotono i rami dell'albero e fanno cadare i frutti.

Le noci, raccolte nel periodo tra fine estate e inizio autunno, sono vendute e consumate in parte fresche e in parte secche nel periodo natalizio.

è tradizione locale il giorno 23 di giugno, vigilia di San Giovanni, o il 28 di giugno, vigilia di San Pietro e Paolo, raccogliere noci ancora non mature per preparare il liquore nocino (nucillo). La ricetta  prescrive 24-25 frutti per ogni litro di alcool.

Il nocino, servito ben freddo, trova largo impiego come gustoso fine pasto; molti usano questo liquore anche come analgesico per il mal di denti. 

Alcuni anziani raccontano che, in passato, il succo di mallo era usato per tingere di nero i capelli; altri spiegano che le foglie di noce messe a macerare in acqua sono un ottimo rimedio per allontanare le formiche.

I bambini del territorio usavano, e alcuni usano ancora, le noci per realizzare semplici e divertenti giocattoli come: panierini, barchette e tartarughine.

Consulta anche: Storie di noci (Natura&Cultura); Le noci di Manzoni (Piante letterarie).

Potrebbe interessarti: Noce (piante alimentari); Corylus avellana (nocciolo); Prunus dulcis (mandorlo).

Testi consultati:

1) CAPUTO G., et al., 1994; 2) FIORI A., 1923-1925a; 3) PIGNATTI S., 1982; 4) RICCIARDI M., 1996; 5) TICLI B., 2007; 6) ZANGHERI P., 1976.

"Visualizza l'elenco bibliografico"


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


 Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Juglans regia (noce)


Immagini e testo a cura di Ferdinando Fontanella


erbacee

herbaceous

legnose

woody

orchidee

orchids

felci

ferns

alberi

trees

FAUNA

funghi

elenco

sistematico

©meditflora.com, riproduzione testi e immagini riservata

Stampa

 

 

Web stats