www.meditflora.com

creato da G. Visetti * diretto da F. Fontanella


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)

Scheda naturalistica


Famiglia: Solanaceae

 Lycopersicon esculentum Mill.

Sinonimo: Solanum lycopersicum

Nome comune: pomodoro.

Nome inglese: tomato.

Nome locale: pummarola.

Descrizione: specie annuale, odorosa, ghiandolosa-pelosa, dimensioni 30-150 o più cm. Fusto tenace, tubuloso, prostrato-ascendente (nei coltivi la pianta è mantenuta eretta da appositi sostegni), ramoso, di colore verde-gialliccio. Foglie alterne, pennatosette con segmenti ovali, grossolanamente dentati, verde intenso. Fiori su peduncoli incurvati, in cime multiflore, 3-20 elementi, corolla di colore giallo-verdastro, con evidente cono di antere dello stesso colore, calice verde a lacinie lineari-lanceolate, persistente nel frutto. Frutto a bacca, di forma e dimensione molto variabile, prima verde poi rosso a maturità, in alcune varietà giallastro.

Habitat: cresce nell’intervallo altimetrico tra 0 e 1500 metri s.l.m. Campi, incolti, ruderi, lungo le srade, ambienti disturbati.

Periodo fioritura: Giugno-Ottobre

note: specie originaria del Sud America, comune nei Monti Lattari, in penisola sorrentina e isola di Capri.

Localmente il pomodoro è da lungo tempo ampiamente coltivato come pianta orticola, ma non è raro trovarlo anche allo stato subspontaneo lungo le strade, su macerie e ruderi.

Numerose sono le cultivar impiegate dai contadini, tra le più rinomate ricordiamo: il "pomodoro di Sorrento" consumato fresco all'insalata, il "pomodoro fiaschetto" raccolto maturo per le conserve, il "pomodoro spugnillo" conservato fresco in grappoli.

Frutto principe della cucina partenopea è consumato, crudo o cotto, in innumerevoli ricette; per brevità ricordiamo solo tre classici molto conosciuti: ragù napoletano, pizza margherita e insalata caprese.

Nei mesi di luglio e agosto è tradizione locale raccogliere i pomodori maturi e lavorarli per farne un sugo da conservare in barattoli e bottiglie di vetro, con l'aggiunta di alcune foglie di basilico, previa una lunga bollitura in appositi bidoni di latta.

Alcune massaie preparano anche la cosiddetta "cunserv 'e pummarola o sarzina" concentrato preparato con: pomodori bolliti e passati al setaccio, il sugo ottenuto è messo ad asciugare al sole con l'aggiunta di sale marino fino e, infine, conservato sott'olio in un vasetto di terracotta. 

Altro tipico metodo di conservazione è il cosiddetto "spugnillo": i pomodori maturi raccolti in grappoli sono sistemati lungo un robusto filo di spago, così da formare un grosso grappolo, da appendere in un luogo asciutto e ventilato.

Potrebbe interessarti: Pomodoro (piante alimentari); Solanum tuberosum (patata); Spartium junceum (ginestra odorosa); Salix alba (salice comune)

Testi consultati:

1) ALIOTTA G., SALERNO C., 2000; 2) BIANCHINI F., et al., 1984; 3) DE ROUGEMONT G., 2002; 4) FERRARO S., 1996; 5) FIORI A., 1923-1925b;  6) PIGNATTI S., 1982; 7) RICCIARDI M., 1996; 8) ZANGHERI P., 1976.

"Visualizza l'elenco bibliografico"


Lycopersicon esculentum (pomodoro)

Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Lycopersicon esculentum (pomodoro)


Immagini e testo a cura di Ferdinando Fontanella


erbacee

herbaceous

legnose

woody

orchidee

orchids

felci

ferns

alberi

trees

FAUNA

funghi

elenco

sistematico

©meditflora.com, riproduzione testi e immagini riservata

Stampa

 

 

Web stats